Cosa mangiare quando cadono i capelli?

Scommetto che ti ricordi quello spot pubblicitario di qualche anno fa “belli dentro, e belli fuori”. Davvero, poche affermazioni sono vere come questa, e ci ricordano dell’importanza, spesso sottovalutata, del cibo non da un punto di vista del gusto, quanto della salute. Se sei tra coloro che soffre di alopecia, o semplicemente ha i capelli molto fragili e vorrebbe favorire la crescita senza assumere medicine, allora hai l’obbligo di leggere questo articolo fino alla fine! Parleremo infatti della caduta di capelli in generale, e di quali sono le abitudini alimentari che possono aiutare i capelli a crescere. Se vuoi sapere tutto quello che c’è da sapere sull’argomento e in pochissimo tempo, assicurati di leggere con attenzione questo articolo adesso. 

Come faccio a sapere se la mia caduta di capelli è permanente?

Se vuoi essere sicuro o sicura al 100%, la soluzione è andare da uno specialista! Se vuoi essere informato a livello generale, eccoti gli scenari più comuni. 

Guardare il modello di perdita dei capelli

Non tutte le cadute di capelli sono uguali. Ad esempio, l’alopecia areata provoca tipicamente una caduta di capelli a chiazze sul cuoio capelluto, mentre quella androgenetica (calvizie maschile) si manifesta attraverso un graduale diradamento dei capelli sulla sommità della testa.

Durata 

Una caduta temporanea è spesso reversibile, tende a risolversi una volta risolta la causa sottostante. Tuttavia, nei casi in cui il fenomeno persiste per un periodo prolungato senza ricrescita, potrebbe indicare una condizione permanente.

Storia familiare

La genetica gioca un ruolo significativo nella caduta dei capelli. Se hai familiari prossimi vittima di calvizie maschile o femminile, è possibile che anche la caduta dei tuoi capelli sia permanente. Tuttavia, non tutti i casi di perdita genetica dei capelli progrediscono fino alla calvizie completa.

Identificare la causa sottostante

Soltanto quando si capirà il motivo della caduta dei capelli, si potrà anche diagnosticare la durata. Le cause più comuni di perdita temporanea includono stress, cambiamenti ormonali (ad esempio gravidanza, parto, menopausa), alcuni farmaci, carenze nutrizionali e infezioni del cuoio capelluto. Se la perdita dei capelli è dovuta a un fattore temporaneo, come lo stress o una malattia, i capelli potrebbero ricrescere una volta eliminata la ragione di fondo.

Le cattive abitudini che fanno cadere i capelli

Styling scorretto

Calore eccessivo e trattamenti chimici danneggiano il fusto del capello, rendendolo soggetto a rotture. Per questo motivo, se per te è necessario usare piastre e asciugacapelli, cerca di regolare la temperatura sotto i 120 °C – eviterai secchezza e doppie punte.

Acconciature strette

Le acconciature che tirano i capelli, come code di cavallo o trecce, possono causare un tipo di caduta di capelli chiamata alopecia da trazione. Infiammazioni e diradamento dei capelli sono solo alcuni dei fenomeni più comuni: in questi casi è bene alternare acconciature a capelli sciolti.

Saltare la routine di bellezza dei capelli

Chi non si dedica ad un’igiene regolare, con i giusti trattamenti idratanti e un risciacquo adeguato, potrebbe soffrire di accumulo e all’infiammazioni del cuoio capelluto. I capelli possono crescere sani e belli sono nell’ambito di un cuoio capelluto pulito e sano.

Spazzolare aggressivamente

Chi tratta i capelli in modo brusco (soprattutto quando sono bagnati), o utilizzare spazzole con le setole non adeguate per il proprio tipo di capelli, potrebbe causare danni al fusto del capello.

Stress

Lo stress cronico è in grado di interrompere il ciclo di crescita dei capelli, causando una caduta di capelli temporanea chiamata telogen effluvium. In questi casi, gestire lo stress attraverso meccanismi di adattamento è essenziale per sostenere il benessere generale della persona, salute dei capelli inclusa.

Dieta errata

Una nutrizione inadeguata indebolisce di fatto i follicoli piliferi, portando ad una maggiore probabilità di caduta dei capelli. È infatti necessario assumere proteine, vitamine e minerali, in modo da mangiare equilibratamente. Se vuoi sapere cosa mettere dentro il carrello della spesa per avere dei capelli sani e forti, assicurati di leggere anche il prossimo paragrafo!

5 super alimenti in grado di aiutare la crescita dei capelli

1. Salmone

Il salmone è un’eccellente fonte di acidi grassi omega-3, che nutrono il cuoio capelluto e supportano la salute del follicolo pilifero. Inoltre, essendo ricco di proteine, questo pesce si rivela un nutriente essenziale per costruire ciocche di capelli forti e promuoverne la crescita. Infine, la quantità di vitamina D del salmone aiuta a stimolare i follicoli piliferi e contribuisce a dei capelli più sani.

2. Avocado

L’avocado è ricco di vitamina E, un potente antiossidante che promuove la salute del cuoio capelluto riducendo lo stress ossidativo e l’infiammazione. Inoltre, i grassi sani presenti nell’avocado nutrono i follicoli piliferi, rendendo i capelli più forti e resistenti. Mangiare avocado idrata il cuoio capelluto, per un aspetto migliore.

3. Spinaci

Gli spinaci sono ricchi di ferro, un minerale essenziale per trasportare l’ossigeno ai follicoli piliferi e favorire la crescita dei capelli. Inoltre, contenendo vitamina A, possono produrre sebo, un olio naturale che idrata il cuoio capelluto e mantiene i capelli idratati.

4. Patate dolci

Insospettabili ma vere: le patate dolci sono ricche di beta-carotene, in grado di promuovere la produzione di cellule ciliate sane. In più, gli antiossidanti proteggono i follicoli piliferi dai danni causati dai radicali liberi, sostenendo la salute generale dei capelli.

5. Frutta secca

Mandorle e noci sono ricchi di vitamina E, un antiossidante che aiuta a proteggere i follicoli piliferi dallo stress ossidativo. Bona fonte di acidi grassi omega-3, possono nutrire il cuoio capelluto, migliorando la circolazione sanguigna.

Incorporare una varietà di frutta secca nella tua dieta può aiutare a rafforzare i follicoli piliferi e ridurre la caduta dei capelli. 

Conclusioni 

Fare attenzione a cosa si mangia è importante, ma talvolta non basta per risolvere il problema. Esami del sangue e biopsie del cuoio capelluto sono tra gli esami più importanti che un medico dermatologo o tricologo esegue per determinare la causa alla base della caduta dei capelli e fornire consigli di trattamento personalizzati. In generale, noi di DMC diciamo di no alle diagnosi aleatorie e non professionali. Se I tuoi sintomi sono preoccupanti, evita il fai-da-te e rivolgiti ad una clinica che si occupa di caduta dei capelli!

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*