Differenza tra dermatite seborroica e forfora 

capelli con forfora

Effetto pandoro sulle spalline della giacca? Forse poche cose sono più imbarazzanti di questa – probabilmente una caduta dei capelli. Non importa quante volte lavi i capelli, questa neve continua a cadere e a ridicolizzarti davanti agli altri. Ma sapevi anche che quella che consideriamo forfora, potrebbe essere in realtà dermatite seborroica? E non sono la stessa cosa.

Se ultimamente ti ritrovi con questi sintomi e hai bisogno di fare chiarezza, sei nel posto giusto. Assicurati di leggere questo articolo fino alla fine. Abbiamo chiesto ai nostri esperti di rilasciarci ogni informazione necessaria. In pochissimo tempo saprai tutto quello che c’è da sapere sull’argomento!

Differenza tra dermatite seborroica e forfora 

Donna abbastanza giovane che si spazzola i capelli

Dermatite seborroica 

Si ritiene che la dermatite seborroica sia causata da una combinazione di fattori genetici, ambientali e microbici. Si tratta di una risposta infiammatoria alla presenza di un fungo simile al lievito chiamato Malassezia sul cuoio capelluto, che porta ad arrossamento, prurito e desquamazione.

È importante sapere che è più grave della forfora: manifesta sintomi più gravi. Ad esempio, arrossamento, infiammazione e chiazze untuose o squamose sul cuoio capelluto. In altri casi, produce scaglie giallastre o bianche che possono essere più aderenti al cuoio capelluto rispetto alle scaglie di forfora.

In più, oltre al cuoio capelluto, la dermatite seborroica può colpire anche altre aree ricche di ghiandole sebacee. Le più comuni sono sono il viso (in particolare attorno alle sopracciglia, al naso e alle orecchie), il torace e la schiena.

Forfora 

La forfora si presenta tipicamente come scaglie bianche o giallastre sul cuoio capelluto e sui capelli, senza arrossamenti o infiammazioni significative. Tuttavia, sono molto frequenti prurito e lieve irritazione del cuoio capelluto. La zona di comparsa è principalmente il cuoio capelluto – in genere non si trova in altre aree del corpo. Inoltre, le scaglie tendono ad essere più piccole, e aderiscono meno al cuoio capelluto rispetto a quelle della dermatite seborroica.

In modo simile alla dermatite seborroica, anche nel caso della forfora, c’entra una produzione eccessiva del lievito di Malassezia. Una crescita eccessiva dello stesso porta ad un aumento della perdita di cellule morte della pelle. La diretta conseguenza è dunque la formazione di scaglie visibili sul cuoio capelluto e sui capelli.

Rimedi efficaci contro la forfora

Giovane donna che esamina i suoi capelli con una lente d'ingrandimento

Shampoo antiforfora

In caso di forfora, assicurati di comprare uno shampoo a base di uno dei seguenti ingredienti attivi:

  • Zinco piritione: aiuta a ridurre i funghi sul cuoio capelluto
  • Solfuro di selenio: rallenta la velocità con cui le cellule della pelle sul cuoio capelluto muoiono e si sfaldano
  • Ketoconazolo: è un potente antimicotico che prende di mira il fungo responsabile della forfora
  • Acido salicilico: aiuta a esfoliare le cellule morte della pelle dal cuoio capelluto

Questa tipologia di shampoo va usata regolarmente, seguendo le istruzioni riportate sull’etichetta.

Risciacquo all’aceto di mele 

In caso di forfora, puoi preparare un risciacquo per capelli e cuoio capelluto a base di aceto di mele. Grazie alla sua alta concentrazione acida, apporta benefici antibatterici e antifungini in grado di alleviare i sintomi della forfora. Ecco come prepararlo.

  • Diluisci l’aceto in acqua; entrambi devono avere la stessa quantità
  • Applica la miscela sul cuoio capelluto, massaggia e lasciare agire per qualche minuto.
  • Dopo aver effettuato questo passaggio, risciacqua abbondantemente.

Olio dell’albero del tè

I benefici dell’albero del tè sono molteplici. Tra i tanti, ha proprietà antifungine e antibatteriche che possono aiutare a ridurre la forfora. Per applicarlo, segui i seguenti passaggi.

  • Diluisci l’olio dell’albero del tè con un olio vettore (come l’olio di cocco o l’olio evo)
  • Applica la miscela sul cuoio capelluto e lasciala agire per circa 30 minuti 
  • Procedi con il tuo shampoo come di consueto

Aloe Vera

L’aloe vera ha proprietà lenitive e idratanti; possono aiutare ad alleviare l’irritazione del cuoio capelluto e ridurre la forfora. Per usarlo, ti basta applicare il gel puro di aloe vera direttamente sul cuoio capelluto. Lascialo agire per 30 minuti prima di risciacquare.

Olio di cocco

  • Massaggia l’olio di cocco caldo sul cuoio capelluto e lascialo agire durante la notte
  • Lava i capelli al mattino con uno shampoo delicato

L’olio di cocco ha proprietà antimicrobiche e può aiutare a idratare il cuoio capelluto, riducendo la forfora.

Probiotici

In questo caso, invece di comprare prodotti topici, è necessario incorporare alimenti ricchi di probiotici. I migliori sono yogurt, kefir, crauti e kimchi. Tra le tante cose, aiutano a mantenere un sano equilibrio di batteri nell’intestino. In modo indiretto, può migliorare i sintomi della forfora.

Gestione dello stress

È noto come lo stress potrebbe esacerbare i sintomi della forfora. In questo senso, è necessario gestire i livelli di stress per evitare die peggioramenti. Per poter tenere lo stress a bada, cerca di ritagliare del tempo per te e ricevere dei massaggi, praticare yoga o camminare in natura. 

Evita prodotti per capelli aggressivi

I prodotti per capelli aggressivi possono irritare il cuoio capelluto e peggiorare la forfora. Scegli shampoo e balsami delicati, con pH bilanciato, formulati per un cuoio capelluto sensibile.

Rimedi efficaci contro la dermatite seborroica

Nutrizione dei capelli. Capsula di siero vitaminico su fondo di legno.

Shampoo medicati

Per la dermatite seborroica, i nostri esperti raccomandano di utilizzare shampoo contenenti principi attivi quali quelli che elenchiamo di seguito. 

  • Ketoconazolo: è un agente antifungino che prende di mira il fungo Malassezia, simile al lievito, che contribuisce alla dermatite seborroica.
  • Solfuro di selenio: rallenta la velocità con cui le cellule della pelle sul cuoio capelluto muoiono e si sfaldano.
  • Zinco piritione: aiuta a ridurre i funghi sul cuoio capelluto e a regola la produzione di sebo.
  • Catrame di carbone: aiuta a ridurre l’infiammazione e rallenta la crescita delle cellule della pelle.

Come nel caso della forfora, è importante utilizzare questi shampoo regolarmente, seguendo le istruzioni. In alcuni casi, sarebbe benefico lasciare lo shampoo in posa per alcuni minuti prima di risciacquare.

Corticosteroidi topici

Per i casi più gravi di dermatite seborroica, il dermatologo può prescrivere creme o unguenti topici a base di corticosteroidi. Questi farmaci servono a ridurre l’infiammazione e il prurito. Se questo è il tuo caso, assicurati di seguire le istruzioni del tuo dermatologo per applicare il farmaco.

Creme antifungine

Le creme antifungine si possono ottenere con o senza ricetta. Generalmente contengono ketoconazolo, ciclopirox o terbinafina. Tutte e tre aiutano a ridurre la crescita del lievito di Malassezia sul cuoio capelluto. In più, alleviano i sintomi della dermatite seborroica. Se ti è stata consigliata dal medico, applicala seguendo le sue indicazioni.

Prodotti a base di catrame di carbone

Shampoo, creme o lozioni al catrame di carbone possono aiutare a ridurre l’infiammazione e rallentare la crescita delle cellule della pelle sul cuoio capelluto. Anche in questo caso, segui le istruzioni sull’etichetta del prodotto per sapere come utilizzarli.  

Acido salicilico

Shampoo o trattamenti contenenti acido salicilico possono aiutare a esfoliare le cellule morte della pelle dal cuoio capelluto. In più, hanno modo di ridurre la desquamazione del cuoio capelluto associate alla dermatite seborroica.

Farmaci antifungini

Nei casi gravi o persistenti di dermatite seborroica, il dermatologo può prescrivere dei farmaci antifungini orali come il fluconazolo o l’itraconazolo. Il loro scopo è colpire l’infezione fungina che dà vita a questi sintomi. Come regola di base, il medico vorrà vederti spesso per monitorare i tuoi progressi.

Lozioni idratanti

In concomitanza con i prodotti che abbiamo appena elencato, è bene utilizzare creme idratanti o emollienti. Devono essere delicate e senza profumo, allo scopo di lenire e idratare il cuoio capelluto. Quest’operazione è particolarmente utile se, a causa dei vari trattamenti che si fanno, il cuoio capelluto diventa secco o irritato. Ricordati di scegliere prodotti adatti a chi ha una pelle sensibile.

Ulteriori considerazioni

Hombre de tiro medio usando champú seco en casa

Evita di peggiorare la situazione

Stress, freddo, aria secca, prodotti aggressivi per la cura dei capelli e alcuni alimenti possono rendere la forfora o la dermatite seborroica ancora più acuta.

Abbi cura dei tuoi capelli con delicatezza 

Scegli prodotti delicati, ipoallergenici, senza profumo e con pH bilanciato. Devono essere specificatamente formulati per un cuoio capelluto affetto da dermatite seborroica o forfora. Evita l’uso di shampoo aggressivi o prodotti che possono irritare il cuoio capelluto e peggiorare i sintomi. 

Fai lo shampoo regolarmente

Il tuo lavoro è rimuovere il sebo in eccesso, le cellule morte della pelle e gli accumuli dal cuoio capelluto. Per fare questo, devi trovare un equilibrio nel numero di shampoo necessari, e che non siano troppi. Ogni 2-3 giorni è una frequenza fattibile, ma osserva anche come reagiscono i tuoi capelli e aggiusta di conseguenza. 

Protezione solare

È importante proteggere il cuoio capelluto dai dannosi raggi UV del sole. Se necessario, indossa un cappello a tesa larga o applica una crema solare specificatamente formulata per il cuoio capelluto. L’esposizione al sole può scatenare riacutizzazioni della dermatite seborroica e della forfora, nonché peggiorarne i sintomi. 

Conclusioni

L'uomo si passa le dita tra i capelli

Se la forfora persiste nonostante i rimedi casalinghi, o se è grave o accompagnata da altri sintomi, consulta un dermatologo per un’ulteriore valutazione. In caso di dermatite seborroica, è fondamentale consultare un dermatologo per una diagnosi accurata e un piano di trattamento personalizzato. Inoltre, costanza e pazienza sono fondamentali nel trattamento di questi fenomeno. Potrebbe essere necessario del tempo per vedere un miglioramento, ma niente che non si può risolvere. Basta essere consistenti con la terapia e prendere le giuste misure. 

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*