Capelli bianchi donna: come traghettarli anche a 30 anni

Le abbiamo viste dovunque: su ogni post di instagram, nei magazine per donne, o formando gruppi su Facebook, con thread relativi a come fare una transizione verso il bianco. Se per tante è stata la pandemia a spingere ad un cambiamento, ultimamente stiamo assistendo quasi ad una rivoluzione: c’è chi parla di sentirsi più libera di esprimersi, o addirittura “se stessa”. La popolazione sembra quasi essere divisa in due: quelle che inorridiscono solo al pensiero di vedere un capello bianco spuntare (figuriamoci tutta la testa), e le paladine del grigio e del bianco. Per queste ultime, o per le donne che si trovano in dubbio (“lo faccio o non lo faccio?”), abbiamo pensato di scrivere un articolo per dare dei consigli – anche e non solo di tipo pratico – su come procedere. Se l’argomento ti interessa, assicurati di leggere l’articolo fino alla fine!

Quando è nato il trend dei capelli grigi per donna e perché?

È molto recente: infatti, è soltanto da qualche anno che il fenomeno ha iniziato a diffondersi. Grazie all’ausilio dei social media, la nascita della figura dell’influencer e quello che sembra una rivoluzione culturale tendente all’autenticità, oggi troviamo tantissime donne che non solo non hanno vergogna di portare i capelli bianchi o grigi, ma abbracciano la scelta quasi in modo politico. Anche nell’ambito dell’industria della cosmesi e dell’immagine, le modelle da qualche tempo sfoggiano i capelli grigi in famose campagne pubblicitarie. Infine, forse l’influenza più grande è l’esempio dato dalle celebrità: da Kate Blanchett a Salma Hayek, Carolina di Monaco e la famosa Carrie di Sex and the City – Sarah Jessica Parker. 

La realtà di avere i capelli grigi da giovane: cosa dice chi l’ha provato

Le opinioni sembrano miste. Alcune sono felicissime, e quasi ringraziano la pandemia per aver suggerito indirettamente l’idea. Altre hanno fatto marcia indietro. Vediamo un pò le opinioni più popolari.

Risparmi tantissimi soldi

Qual è il cruccio di chi fa la tinta? Andare dal parrucchiere non appena spunta un capello bianco. Ma purtroppo, non è sempre possibile. A volte si viaggia, altre c’è la gravidanza che fa diventare tutto scomodo, in altri casi sono anche i soldi: chi non vuole imbrattare il bagno di casa, deve pagare un bel pò. Le donne che sono passate al naturale confermano che il risparmio non solo è evidente, ma permette di investire su prodotti per capelli molto più costosi, ora che non c’è più il conto fisso del salone di bellezza.

Bisogna avere tanta stima di sé

Alcune donne parlano di questa scelta come una vera e propria “palestra per la propria autostima”. Con l’importanza che ricopre l’immagine oggi, soprattutto per una donna, i commenti di amici e parenti sono spesso taglienti, per non dire offensivi. Tuttavia, chi ha preso una decisione e e è felice, si rende conto di come eventuali “problemi” sono proprio di costoro che additano una scelta imbarazzante – mentre per noi è audace.

Non deve essere per forza permanente

Cosa c’è di permanente nelle nostre vite, se non le illusioni? Anche questo processo di traghettamento dei capelli dal colore al grigio può essere considerato allo stesso modo, a mo’ di esperimento. Infatti, alcune donne hanno capito che non faceva per loro, e dopo due o tre mesi di provarci, hanno ripreso a fare la tinta. Insomma, quello che non fa per noi, non fa per noi, e forzare non vale la pena.

Ci vuole molta pazienza 

Chi ha già 50 anni e un bel pò di ricrescita probabilmente potrà completare il passaggio molto più in fretta di una trentenne. Per le più giovani infatti anche un anno potrebbe essere poco: poi alcune hanno una crescita più veloce di altre. Il nostro consiglio è di provare degli stili intermedi, per ingannare l’attesa. Magari concedersi dei colpi di sole, in modo da confondere i grigi con i naturali. Un buon parrucchiere saprà cosa fare, e troverà davvero pane per i suoi denti con una cliente del genere.

Come traghettare i capelli grigi senza traumi: 4 passaggi principali

1. Mantieni le tue aspettative reali

Instagram ci tenta con le foto di chiome sale e pepe brillanti, come se niente fosse. Così diverse da quella che ci ritroviamo quando, un giorno in più senza fare lo shampoo, la ricrescita appare abbastanza fuori luogo. In questa fase è importante capire che i capelli non ricresceranno uniformemente e il cambiamento di colore per la maggior parte sarà graduale.

2. Parlane col tuo parrucchiere

Non sarà felice perché finisci di fare la tinta periodicamente ma, come accennato poc’anzi, potrà darti delle dritte su come concludere questo progetto senza troppi dolori. Magari cambiare pettinature o stile? Un professionista che sa fare bene il suo lavoro, potrà esserti molto utile.  

3. Compra dei prodotti che mettono in risalto il tuo colore

Comincia a utilizzare dei prodotti che sono creati per chi ha capelli bianchi o grigi. Sebbene questo consiglio si applica soprattutto a coloro che si ritrovano con una gran quantità di capelli già chiari, potrebbe comunque essere benefico per tutte le altre, ancora alle prime ricrescite. 

4. Sbizzarrisciti 

Volere dei capelli grigi significa tutt’altro che assomigliare alla nonna. Noi di DMC siamo per uno stile personalizzato e unico: divertiti a provare nuovi fermagli e pettinature, cambia il colore dei tuoi vestiti. E hai già provato un rossetto rosso acceso? Il contrasto perfetto con il silver delle tue ciocche. Chi ha il coraggio di abbracciare questa parte di sé probabilmente sa già che uno stile personale la dice lunga sulla propria personalità!

Conclusioni 

Effettuare una transizione dal proprio colore naturale (o tinto) verso il grigio o il bianco non è una scelta per tutte. Dovrebbe essere fatta infatti da coloro che pensano di potersi trovare a proprio agio. Allo stesso modo, non crediamo che le donne che scelgono di colorare i capelli siano per questo meno autentiche. L’importante è sentirsi a posto con il proprio stile, che sia bianco o colorato non importa. La bellezza di entrambe le opzioni è che si può sempre cambiare idea, e sperimentare fa sempre bene, soprattutto all’umore!

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*